Un treno per Genova

premio-andersen2016_all

 

Domattina prendo il treno per Genova . Per la cerimonia del Premio Andersen.  Di quanto siamo felici e orgogliosi qui in Sinnos ho già scritto, di come il riconoscimento di esperti che seguono con competenza e cura l’editoria per ragazzi nel nostro Paese, ci conforti e ci sproni a cercare libri sempre più belli.

E’ bello essere in tanti e in ottima compagnia. Ho letto e amato alcuni dei libri premiati, gli altri li leggerò senz’altro!

Questi libri saranno nelle nostre Biblioteche Di Antonio, perché vogliamo che le biblioteche di scuole senza accesso ai libri e alla lettura abbiano i libri migliori, non libri resi o fallati (oddio ogni tanto qualcuno ci scrive o passa, come è capitato a Torino, nei nostri stand chiedendo libri fallati per la scuola, che non hanno fondi.. Ma vi pare possibile?). Gli altri libri che sono stati valutati, quelli in terzina, quelli pazientemente recensiti nel corso dell’anno, sono libri altrettanto belli che contribuiscono a rafforzare la qualità del nostro settore di editori ragazzi. Che siamo proprio bravi.

Così come bravi sono gli autori per ragazzi, che senza di loro non saremmo nulla. Quelli che si fanno leggere e amare. Un altro riconoscimento per Sinnos, anche se non abbiamo fatto nulla di più che sceglierla, cercarla e fare il lavoro che un editore può e deve fare con un ottimo autore. Così grande felicità per il Premio come Miglior Scrittrice a Patrizia Rinaldi,

Io sarò a Genova a ritirare il Premio per Reato di fuga di Christophe Léon, Miglior libro oltre i 15 anni.

Questo libro l’ho letto d’un fiato andando ad un Ibby camp a Lampedusa  un paio di anni fa e l’ho raccontato, ancor prima di pubblicarlo quindi, ai ragazzini d una terza media dell’Istituto Pirandello dell’Isola. È a quei ragazzini e a quell’Isola che un po’ dedico questo premio. Perché i bambini e i ragazzi leggono. Se li facciamo leggere.

Reato di fuga: i booktrailer

Ecco il bellissimo booktrailer realizzato dagli studenti di Pieve di Soligo per l’incontro con l’autore di Reato di fuga. Lo pubblichiamo oggi, dopo aver avuto questa bella notizia 

E quello dell’IIS G Vallauri Fossano (CN)

Tornati!

Siamo tornati! Come sempre dopo Torino frastornati, un po’ stanchi ma molto felici. Perché al Salone ci sono i ragazzi del Bookblog /Bookstock Village che danno senso e concretezza agli incontri e ai libri. Perché al Salone abbiamo incontrato insegnanti, bibliotecari, librai, genitori e lettori. Perché al Salone abbiamo presentato libri ai quali teniamo moltissimo, e lo abbiamo fatto con gioia e senso. Con Zita Dazzi abbiamo parlato del nuovissimo Zona Franca, In perfetto equilibrio, raccontando ai ragazzi come nasce un libro e la relazione tra editore e scrittore.

sinnos-1728x800_c

Zita Dazzi, Della Passarelli e Valeria Di Giuseppe

Con Andrea Satta, i Têtes de Bois, e Eleonora Antonioni, Massimo Cirri e Sara Zambotti   abbiamo raccontato Officina Millegiri, in Arena con musica, immagini e chiacchiere sulla bicicletta, su quel suo essere lentamente veloce, capace di andare contromano e di renderci curiosi e attenti, che la rende così simile ai libri! E abbiamo avuto un ospite di eccezione: Sergio Staino!

IMG-20160515-WA0002

Eleonora Antonioni per il firmacopie di Officina millegiri

13178761_1787357324829659_3503844694433218544_n

Andrea Satta, Angelo Pelini e Timisoara Pinto al nostro stand

Abbiamo giocato e costruito ponti con Eugenia l’Ingegnosa.

Abbiamo parlato di libertà con la storia di Zumbi insieme agli autori e a Darwin Pastorin. E ogni volta che ascoltiamo Fabio Stassi e Federico Appel ci si allarga il cuore. Ecco le intervstie a Fabio Stassi e  a Federico Appel

pastorin

Darwin Pastorin racconta Zumbi assieme a Federico Appel e Fabio Stassi

Al Salone abbiamo ricevuto regali preziosi, come il booktrailer realizzato dalle ragazze di studioIBRIDO su Hai preso tutto 

E ci siamo emozionati per il senso del progetto Ibby Italia a Lampedusa sul quale lavoriamo da anni. Claudia De Lillo è stata con noi ad accogliere i ragazzi delle scuole di Lampedusa che erano al Salone grazie ad Adotta uno scrittore 

Che bello vedermeli comparire a sorpresa, mentre allo stand raccontavo Reato di Fuga e sentire alle mie spalle la voce di uno di loro: «E’ un libro bellissimo. Io sono stato tra quelli che hanno detto a Della: pubblicalo!»  Proprio a Lampedusa infatti lo raccontai la prima volta, 3 anni fa, che in aereo lo avevo letto d’un fiato… E quindi si sono meritati copia di In perfetto equilibrio! Che con questi lettori la paura di un futuro incerto scompare.

f985f0dc-1003-4036-9174-0d0364e7c1a1

In perfetto equilibrio alla prima prova con i ragazzi di Lampedusa

Tornando in treno mi sono goduta il regalo che mi ha fatto Antonella De Simone, Sull’orlo del precipizio di Manzini. E mi sono detta che se ci sono i ragazzi di Lampedusa, i ragazzi del Bookblog, e i tanti altri che grazie alle Signorine Dolcemiele che cito sempre, leggono e sono svegli, attenti, empatici, gioiosi, Sigma ci fa meno paura… Cos’è Sigma? Leggetelo!

Al Salone abbiamo ricevuto anche la bella notizia che ci saranno fondi per le biblioteche scolastiche grazie ad un bando del MIUR Fondi che arrivano grazie al Piano Nazionale di Scuola Digitale. Dobbiamo dire grazie quindi a chi si occupa di Nuove Tecnologie perché ha compreso il ruolo della biblioteca scolastica. Preziosa per crescere liberi e sapienti.

Vi aspettiamo per parlare di libri e di lettura martedì 24. Un aperitivo libresco…

 

TORINO È ALLE PORTE!

Salone-del-Libro-Torino2

 

È stato un fine settimana intenso e prezioso: a Mantova nella libreria Nautilus e poi a Suzzara, bella bellissima biblioteca a parlare del nostro progetto editoriale a persone attente, competenti, appassionate… Mentre nel frattempo a San Giuseppe Jato si inaugurava la Biblioteca Scolastica con le nostre Biblioteche di Antonio.

E stamattina, in casa editrice , si avverte un  lavoro si fa febbrile e teso. I libri sono chiusi ormai e li aspettiamo da un momento all’altro. Vederli e toccarli, dopo aver lavorato su bozze, su pc, dopo aver discusso su copertine e titoli, dopo averli rivisti e fatti rivedere agli autori per l’ultima volta, è sempre una grande emozione.

Ho da poco riletto d’un fiato In equilibrio perfetto, di Zita Dazzi, prima di darlo in stampa. E mi sono di nuovo emozionata nel seguire la storia di Amanda.  Adolescente come sono tante, con i suoi chiari scuri. Con a volte l’incapacità di empatia e compassione, con quell’egoismo tipico di quella età della vita. Ma che poi sbocciano. Crescono e si aprono alla vita. Zita lo  presenterà con me a Torino giovedì 12 maggio alle 10.30, Bookstock Village. Così avremo modo di raccontare quale è il percorso di un libro e come è bello – per un’autrice ed una editrice –  trovarsi, riconoscersi nella scrittura e nella volontà di farla arrivare ai lettori. Con cura, competenza e  passione.

A Torino canteremo e racconteremo di biciclette, grazie a Officina Millegiri di Eleonora Antonioni e Andrea Satta. Venerdì 13 maggio alle 20.30 nell’Arena Bookstock Village insieme agli autori ci saranno anche Angelo Pelini dei Têtes de Bois e Massimo Cirri e Sara Zambotti, conduttori di Caterpillar!

E poi  ci saranno tante altre novità, e incontri: Fabio Stassi e Federico Appel, con il loro Zumbi;  Eugenia l’ingegnosa e la costruzione di ponti, che faremo insieme ad Area Onlus 

E a Torino ci sarà anche un progetto che ci sta a cuore, quello di Ibby e della Biblioteca di Lampedusa. Domenica 15 alle 10.30 Claudia de Lillo, alias Elasti, condurrà l’incontro con Fabio Stassi, autore adottato dal Salone del Libro, leggete che meraviglia il suo diario.

Grazie allora a chi si occupa di educare alla lettura , la gratitudine non sarà mai abbastanza.

I bambini sono cattivi

I BAMBINISONOCATTIVI_web

L’autore de La prima volta che sono nata demolisce luoghi comuni legati ai bimbi, ai bimbetti e alla falsa carineria che gli si affibbia. Ne esce un albo pieno di ragazzini dispettosi, irritanti, agitati, divertentissimi, come solo i veri bambini sanno essere! Acquista subito

5

 

Ciao Claudio

Ieri è venuto a mancare Claudio Saba, storico grafico e art director delle Nuove Edizioni Romane, di cui aveva curato la parte grafica e iconografica per moltissimi anni. Un abbraccio fortissimo a Gabriella Armando per questa scomparsa.

Claudio Saba

Ritorno al futuro!

C’eravamo tutti quest’anno! O meglio: proprio tutti no. Mancava Emanuela che ci segue da lontano e che vorremmo lasciare un po’ tranquilla visto che ha un lavoro super importante (più importante dei libri, ma ugualmente una nuova storia) da portare a termine. Sarà un OTTIMO LAVORO!

12400990_1195426323825638_8801506940876407470_n

La Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna è sempre bellissima. Anche perché per quattro giorni pensiamo di essere indispensabili alla cultura di questo paese. Riconoscimenti (quest’anno pure il Premio Strega! Per la prima volta i “grandi” guardano ai ragazzi… Noi di Sinnos molto molto felici per Chiara Carminati e questo ci fa ben sperare) dibattiti, incontri… E tanta tanta gente: esperta, competente, attiva, appassionata su libri e lettura per bambine e bambini ragazze e ragazzi.

È stata una fiera che ci ha reso felici! Reato di Fuga in terzina finalista agli Andersen! Oh, quante soddisfazioni questo libro! Cinquina finalista a Mare di libri 2016, Christophe Léon invitato a Festival Letteratura di Mantova e a Tutte Storie

Ecco ci siamo talmente inebriati che abbiamo deciso di andare avanti con la nostra Zona Franca, alternando scrittori italiani e stranieri che meritano: la prossima uscita, già prevista per Torino, Zita Dazzi con In perfetto equilibrio e a Bologna abbiamo chiuso la trattativa per un romanzo di Bart Moeyaert lo avrete a Natale!

E con Bart abbiamo ballato come pazzi alla Festa per i 100 anni di Roald Dahl! Questo è il bello di Bologna: andare alle feste e ballare, arrivare un po’ assonnati alla apertura della Fiera per risvegliarsi grazie agli autori/illustratori come Melvin e Stefan Boonen, Andrea Rivola, Marco Paci, Pieter Gaudesaboos, Benjamin Leroy, Mattias de Leeuw, Francesca Carabelli, Beatrice Masella … e tanti altri. Anche tutti quegli autori che hanno donato una storia per LEGGIMIFORTE  e che parleranno di periferie motore di ricchezza e possibilità in Centrifuga, antologia che uscirà anche questa per dicembre.

 foto Centrifuga (1)gli autori e le autrici di Centrifuga con Della e Pasquale Avallone

 

Insomma Sinnos inizia ad avere un bel gruppo di autori e illustratori con cui proseguire il suo cammino. E vedrete che vi sorprenderemo!

Ecco incontrare gli autori e parlare di progetti a Bologna è speciale. Come saranno speciali I libri di Camilla, promossi da Uovo Nero che ha coinvolto tanti editori per far sì che tanti begli albi possano essere tradotti in simboli, comprensibili anche da bambini disabili

 

melville e stefan

Stefan Boonen e Melvin autori di Weekend con la nonna con Federico e Valeria

È stato bello avere con noi Fabio Stassi. Un autore per grandi. Un autore di cui amiamo particolarmente la scrittura e le storie. E che per noi ha scritto Zumbi. Ma sarà anche l’autore adottato dal Salone del Libro di Torino per Lampedusa! Un incontro prezioso quello di Fabio e Lampedusa, la biblioteca dei ragazzi, il lavoro che grazie a Ibby da qualche anno si fa con i libri su quell’isola…

ZUMBI

Fabio Stassi e Federico Appel al caffè degli autori con La leggenda di Zumbi, l’immortale

E poi, per finire al week end dei giovani lettori abbiamo portato Officina Millegiri: Andrea Satta, accompagnato dalla musica di Angelo Pelini ha fatto un piccolo spettacolo sulla sua passione per la bicicletta e insieme a loro c’era anche Marcello Osler  mitico corridore, protagonista della storia di Tore e… eh! Dovete leggerla!

E domenica i laboratori di Alice Keller e Veronica Truttero su Hai preso tutto? e sui signori cinghialetti. Ma con Alice e Veronica stiamo già progettando storie di galline…

Insomma, ora si torna nella vita reale. Riusciremo a raggiungere il bar (o il bagno) senza essere fermati né tantomeno riconosciuti. E insieme a tutti gli altri magnifici editori per ragazzi rientriamo nelle nostre  case. A progettare per stupirvi. E per meritarvi!

      LEROY

 

 

 

 

 

 

Bejamin Leroy autore di Caccia alla tigre dai denti a sciabola con Federico

A BOLOGNA! A BOLOGNA!

 

Eccoci. Atmosfera elettrica qui in casa editrice. I pacchi sono ormai quasi fatti. Pacchi che verranno caricati sul nostro furgoncino e che arriveranno alla guida di Federico Appel, con il conforto della navigatrice Valeria Di Giuseppe, in fiera domenica.
IMG-20160331-WA0003

scatole cariche cariche di novità per Bologna!

E così redattore e grafica avranno un bel tempo per chiacchierare!

IMG_20150329_192824Bologna 2015, Valeria, Federico e Aneta con il boccone in bocca e scatoloni al seguito

Per fortuna sono arrivate le copie delle due novità che attendevamo con ansia! Potremo caricare sul nostro furgone quindi, oltre a Officina Millegiri e Draghi dell’altro mondo anche Un ottimo lavoro (eh il nostro Fìrmin!) e I bambini sono cattivi. Ricordate La prima volta che sono nata? Ebbene con questo nuovo albo Cuvellier, con le illustrazioni di Aurélie Guillerey, diventa graffiante e ironico ribaltando lo stereotipo di bambine e bambini angioletti da strapazzare di baci. A noi di Sinnos piacciono l’ironia e il sovvertimento. E ci fa piacere proporveli.

E sono arrivate le nuove borse! Non potevamo resistere alle biciclette di Eleonora Antonioni! Così, insieme a quella ormai classica delle Cattive Ragazze (che continuano a leggere) avrete anche la sorpresa di un nuovo slogan e di una bicicletta davvero speciale. Come lo sono le lettrici e i lettori. E chi si dà da fare per offrire alle bambine e ai bambini, alle ragazze e ai ragazzi i migliori libri.

60ffeaa20fc2826bf07ba7ca7a594564

Lo facciamo da anni, con il nostro lavoro di editori – insieme agli altri che con noi saranno in Fiera a Bologna – ma lo facciamo anche con le Biblioteche di Antonio, progetto arrivato alla sua XI Edizione. Oltre 20 le scuole che hanno mandato il loro progetto. A Bologna sceglieremo i migliori titoli da inviare alla scuola che sarà selezionata, li acquisteremo (perché i libri si comprano) e in ottobre faremo arrivare i libri a scuola.

barone sinnos

Quest’anno Le Biblioteche di Antonio hanno una madrina speciale, Sofia Gallo – la nostra cacciatrice di storie, autrice di una delle nostre novità Draghi dell’altro mondo –che ha deciso di donare i suoi diritti di autore all’acquisto dei libri. Questa donazione copre almeno la metà dei nostri acquisti ed è un sostegno davvero importante. Quindi cercheremo di fare in modo che ci sia nel momento della consegna alla scuola!! (Sofia preparati! :))

Felice anche di proporre alla Fiera due incontri importanti, su due libri che portano con loro tutto quello che c’è nel nostro progetto editoriale.

Il 4 aprile, alle 15.00 – caffè degli autori – Fabio Stassi e Federico Appel, insieme aDavide Pace parleranno del modo di narrare nelle Graphic. Avere un autore come Fabio Stassi a Bologna credo sia un bel fatto. È uno scrittore potente e gentile, che sa mescolare la Storia con le storie. Mi piace da lettrice e quindi sono davvero felice che abbia scritto per Sinnos La Leggenda di Zumbi l’Immortale, che abbia saputo rovesciare per noi il cannocchiale della storia e che sia entrato nel mondo della letteratura per ragazzi. Su Federico Appel che dire? È un ottimo guidatore! Ma è anche un particolarissimo illustratore che insieme a Fabio si è divertito a giocare con la Storia. E le storie.

Nel week end dei lettori, il 9 aprile alle 11.30, ci sarà invece Andrea Satta, con uno dei musicisti dei Tetes de Bois, Angelo Pelino, per incontrare (raccontando e cantando) i ragazzi su Officina Millegiri. Nata dalle bicilette di Eleonora Antonioni, sulle quali Andrea Satta ha scritto alcune storie per poi restituirle ad Eleonora che ha completato il tutto, è un libro che parla di tempo, velocità lenta, attenzione, leggerezza e di apertura di possibilità, di punti di vista diversi. Di incontri, di passioni. Ecco perché questo libro ci rappresenta pienamente.

Domenica 3 saremo quindi in viaggio e poi ad allestire lo stand! Ma poi da Cenerentole ci trasformeremo in principesse ( e principi!!) e saremmo alla inaugurazione della mostra di Chiara Carrer  e poi di corsa alla inaugurazione della mostra Un altro sguardo. Figure e storie di diversabilità nei libri per ragazzi. Bologna è speciale anche per questo.

Non mancate poi agli appuntamenti organizzati di Ibby Italia preziosa organizzazione per quello che scrivevo all’inizio e cioè la diffusione di buoni libri e di educazione alla lettura tra i ragazzi.

E infine i due incontri in cui sarò relatrice:

il 4 aprile alle 14.45, sala Intermezzo Il racconto delle migrazioni nella letteratura per ragazzi e il 5 aprile alle 16.00 Caffè Traduzioni Cosa traduciamo quando traduciamo libri per bambini.

Vi aspettiamo in Fiera!!

4-7 aprile 2016

Sinnos pad 26 stand B35

NOI PREFERIAMO FÌRMIN!

 

 

UN OTTIMO LAVORO_ web

Amelia Hamilton – scrittrice per ragazzi? – sta riscrivendo per conto della National Rifle Association (la potente lobby americana delle armi)  le fiabe classiche armando protagoniste e protagonisti. Dunque Biancaneve, Hansel e Gretel e Cappuccetto Rosso, che è la prima delle fiabe ad essere stata rivisitata in questo senso, potranno difendersi da matrigne, streghe e lupi sparando all’impazzata. A parte il fatto che Roald Dahl aveva già avuto la stessa idea, ma piena di feroce ironia e intelligenza in Versi Perversi.

Noi preferiamo Fìrmin il falegname ingegnoso che dopo aver ricostruito braccia e gambe al Barone che amava fare la guerra farà UN OTTIMO LAVORO rifacendo alla fine una bella testa di legno per quel guerrafondaio, che finalmente si metterà l’animo in pace e se ne starà tranquillo casa sua…

UN OTTIMO LAVORO è una delle novità che porteremo alla Childrens’ Books Fair di Bologna di quest’anno.

E, sinceramente, preferiamo i  Cappuccetti verdi, gialli e bianchi di Munari, dove le protagoniste si difendono dai lupi grazie alla solidarietà e all’ intelligenza, piuttosto che diventare Cappuccetti Rambo. Grazie no.

In questi giorni di paura, in cui ci sentiamo tutti vulnerabili, di fronte al terrore seminato da chi decide di farsi saltare in aria, di uccidere, di mettere bombe, di mitragliare, in nome di non si sa bene cosa, è inevitabile assistere a scempiaggini come quella di armare i personaggi delle favole. Se poi ci si possono fare su un bel po’ di soldi, tanto meglio.

 

unottimolavoro_interni_BASSA-7

Eppure, come ho scritto più volte, oggi più che mai dovremmo invece fare attenzione a non incentivare la violenza, e controbattere odio e ignoranza con la solidarietà e la cultura. Sapienza, empatia, compassione, cura e intelligenza.

Penso al Belgio, che in questo momento viene definito “Stato fallito”, perché “non è stato in grado di identificare e ancor meno fermare la macchina terroristica saldamente piantata nelle sue visceri”

E penso che ho fatto riferimento, nel mio ultimo post su Sesamo, proprio ad un progetto belga  omundo, una iniziativa della sezione Ibby Fiamminga per integrare attraverso libri e storie, i nuovi cittadini.  Iniziative come questa, che tendono a riconoscere le diversità, ad accogliere non cancellandole, sono la giusta via verso una integrazione, verso un riconoscersi e un darsi valore. La strada è lunga ma non possiamo permetterci di generalizzare.

E allora penso ai figli di amici cari greci che vivono e lavorano a Bruxelles, incontrati a Roma proprio a ridosso degli attentati che mi raccontavano che Molembek non è un ghetto, ma un posto dove vanno volentieri a mangiare, dove abitano loro amici, dove ci sono ceti sociali diversi e diverse comunità. E così mi ritrovo più vicina al pensiero di Federico Rampini che scrive “Le storie individuali non vanno ignorate, per distinguere tra “ghettizzazione” e processi d’integrazione faticosamente in atto. Il fratello del terrorista suicida Najim Laachraoui è nella squadra nazionale belga di taekwondo; i genitori avvertirono le autorità quando il jihadista partì in Siria”.

unottimolavoro_interni_BASSA-10

E mi viene da pensare che quegli attentatori, figli della media borghesia, che non combattono per un riconoscimento di diritti violati, ma contro tutti coloro che non la pensano come loro,  evidentemente sono poveri  di capacità di scegliere e comprendere.

E allora no alle favole armate, sì invece al coraggio e alla lungimiranza di chi si adopera per offrire a bambine e bambini, ragazze e ragazzi, il dono della lettura, mettendo loro a disposizione  tanti libri diversi: albi illustrati, libri senza parole, narrativa, poesia, saggistica nella nostra lingua e nelle tante lingue che abitano il nostro Paese.

Perché non si sentano esclusi e perché alimentino pensiero critico, empatia, intelligenza. Come accade a Lampedusa con La Biblioteca che verrà, progetto Ibby Italia, che sta cambiando di fatto l’atteggiamento dei più giovani (700 tesserati su 1000 bambini, peccato che il nostro Premier non sia stato così lungimirante da volerla visitare, nella sua prima visita sull’Isola), come accade con la bella iniziativa che dal 31 marzo al 3 aprile vedrà Città di Castello trasformarsi in un campo profughi . Ma nelle tende ci saranno dei libri. Libri per bambini: storie, fiabe e favole provenienti dai paesi da cui di questi tempi tante persone si trovano a dover scappare. 

Ecco, allora evviva la lungimiranza e ne troverete tanta nei libri e negli incontri della prossima 53 Fiera del Libro per Ragazzi a Bologna.
Della Passarelli, direttore editoriale Sinnos

tutte le immagininell’articolo sono tratte da “Un ottimo lavoro” di Iban Barrenetxea, edito dalla Sinnos

Siamo un’officina millegiri!

 

OFFICINAMILLEGIRI_WEB

È sempre bello incontrare gli studenti ed ha molto senso quando come editori possiamo raccontare il nostro catalogo a chi sta studiando per diventare insegnante, come è successo sabato a Padova. Perché insegnanti formati sulla pluralità della produzione di libri per ragazzi in Italia vuol dire insegnanti che saranno in grado, nonostante la scarsa attenzione ai libri nella scuola, di educare alla lettura. Come ben spiega Aidan Chambers ne Il lettore infinito (Equilibri),  la scuola infatti deve essere in grado di formare lettori critici e consapevoli. Deve poter offrire il meglio e non accontentarsi di quello che il mercato più commerciale mette in campo.

Presentare il progetto Sinnos di fronte ad una strapiena (e bellissima) sala, ha avuto un gran senso e ringrazio molto Giordana Merlo, Marnie Campagnano e Donatella Lombello dell’Università di Padova per averlo organizzato anche perché ripercorrendo la strada fatta in questi 25 anni in qualche modo confermo a me stessa che l’impegno preso nel fare l’editrice, insieme agli altri: che una casa editrice è un lavoro di gruppo e il mio poi è un gruppo bellissimo, lo stiamo portando avanti. Resta il “timone” che abbiamo avuto fin dall’inizio: la cura a non generalizzare, raccontare possibilità e punti di vista diversi, sovvertire e sorprendere perché non ci si abitui all’ovvio e non ci si assopisca: attraverso storie e immagini che non siano edificanti ma che portino dentro valori e riflessioni che pensiamo debbano essere trasmessi ai ragazzi.

È stato bello raccontare come siamo cambiati: come il lavoro di ricerca e progettazione che ha lasciato semi molti anni fa, è proseguito nel tempo rinnovandosi e nuovi semi sta lanciando, come le graphic rivolte a bambine e bambini, ragazze e ragazzi. Arrivando alle novità che porteremo in fiera a Bologna, fra pochissimo: Officina Millegiri, la nuova graphic che parla di biciclette e possibilità, di come l’intelligenza la può aver vinta contro la prepotenza con  Draghi dell’altro mondo. Scelte fatte con cura, realizzate grazie al nostro lavoro di editori e naturalmente a quello degli autori: preziosi sempre. A volte abbiamo deciso di pubblicare libri pensando di rischiare molto: come è accaduto per La prima volta che sono nata, un nostro besteller senza dubbio, ma che non era così scontato. E allora abbiamo voluto “premiarci” con un nuovo Cuvellier, questa volta sarcastico e profondamente ironico: a Bologna troverete il suo I bambini sono cattivi!

Per tornare agli insegnanti, in Italia ce ne sono di straordinari e incontrarli come editori è sempre un gran privilegio. Penso a Matteo Biagi con il suo www.qualcunoconcuicorrere.org , il cui intervento insieme agli altri del corso di Formazione promosso dal Forum del libro con Roma che legge, è disponibile sul sito di Rai Scuola. Penso a Loredana Perego che a Vicenza ha messo in piedi un concreto ed efficace lavoro sulle biblioteche scolastiche a partire da quella – purtroppo quasi unica in Italia – Rete di Biblioteche scolastiche Vicentine  – E penso a Carolina Guardiani, Dirigente Scolastica romana che ha preteso che gli alunni comprassero il libro per l’incontro con l’autore, perché «I libri hanno un valore, voglio che i ragazzi lo capiscano». Sono insegnanti come questi che cambiano la scuola, pretendendo che libri e lettura abbiano un posto importante nella loro didattica, riservando loro un tempo e uno spazio adeguato. Per fortuna non sono pochi. E non posso farne qui il lungo elenco, ma li ringrazio tutti, da qui.